5 suggerimenti per affrontare la mancanza di skills quando le ricerche di personale falliscono

January 16, 2019 Ant Newman

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La carenza di competenze e risorse specializzate è una delle più grandi sfide per i team IT delle PMI. Ma, in realtà, lo è anche per le aziende di maggiori dimensioni.

Come responsabile IT della tua azienda, sei sotto i riflettori: aiutando le controparti aziendali a comprendere l'impatto del cloud e delle nuove tecnologie, offrendo consulenza in materia di sicurezza e conformità e, forse ancora più importante, garantendo la continuità operativa del cuore dell'infrastruttura. È un compito impegnativo per un piccolo team.

Che cosa puoi fare?

Il primo impulso è quello di assumere specialisti nelle aree che per te sono importanti. Ma i limiti imposti su budget e personale possono rapidamente far naufragare l’idea, anche se ci fossero dei candidati con le giuste competenze nella tua zona. Il che è poco probabile.

Non disperare, ci sono delle alternative.

1. La formazione IT dovrebbe essere accessibile in base alle tue esigenze

Ok, puoi smettere di ridere. Non stiamo consigliando di assentarti una settimana per frequentare un corso, al termine del quale tornerai trasformato in un ninja della cybersecurity. Però, puoi cercare formazione e risorse alle quali accedere in base alle tue esigenze: per esempio, librerie video e procedure online. "Formazione" non è sempre la risposta, ma puoi raccogliere una quantità sorprendente di informazioni in una sola pausa pranzo.

2. Fai una chiamata

Se hai un contratto di assistenza con il fornitore giusto, puoi chiamare i suoi tecnici, affinché ti assistano per tutti i dubbi quotidiani, non solo per bug ed errori hardware. Saranno ben lieti di darti i consigli tecnici di cui hai bisogno in fatto di aggiornamenti pianificati, integrazioni e sull'impatto delle nuove tecnologie sul tuo ambiente specifico nonché sulle procedure consigliate per la configurazione.

3. L'esternalizzazione consente di risparmiare tempo

Esternalizzazione, servizi gestiti, out-tasking, scegli tu il nome: moltissime piccole aziende temono di concludere accordi con terzi per affidargli alcune parti della loro infrastruttura IT. A volte, invece, può essere una buona idea.

Per esempio, probabilmente non hai il personale competente necessario a gestire in modo autonomo un centro operativo per la sicurezza attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Ma puoi concludere un accordo con un fornitore per ricevere lo stesso tipo di servizio. E tutte quelle impegnative attività di routine in qualità di helpdesk per gli utenti in prima linea? Non farle gravare sul tuo team (magari anche utilizzando un chatbot con IA) così che possa occuparsi di altri problemi strategici.

4. Cerca supporto per la gestione dei progetti

Quando arriva un grosso progetto, che sia un aggiornamento della rete o l'implementazione di una soluzione IoT, non necessariamente il personale aumenta per far fronte sia alle attività quotidiane che al nuovo progetto, evitando il tuo sfinimento. Coinvolgi un partner che ti aiuti in tutto, dal cablaggio alla configurazione. Certo, si tratta di un costo extra, ma il lavoro verrà eseguito più velocemente e con meno errori. È uno di quegli investimenti che, spesso, si ripagano da sé.

5. Automazione, automazione, automazione

Se il tuo problema è il tempo e non le competenze di un esperto, la prima priorità deve essere quella di liberare alcune ore della giornata lavorativa tua e del tuo team. Cerca soluzioni facili da implementare, configurare e gestire (è una delle caratteristiche più amate di Meraki). Gli attuali strumenti di automazione possono svolgere con un solo clic attività che, con le vecchie CLI, avrebbero richiesto ore. Per esempio, l'applicazione delle policy di sicurezza ai dispositivi o la riconfigurazione degli switch. Esistono servizi di analisi e monitoraggio che permettono di visualizzare tutte le informazioni di cui hai bisogno sulla tua infrastruttura mentre bevi il caffè del mattino, senza che sia più necessario assemblare report recuperando i dati da esportazioni in PDF e fogli di calcolo.

La perseveranza funziona 

Oggi, il tecnico IT medio ha circa 200 dispositivi da supportare e, tra pochi anni, ne avrà migliaia, se non milioni. In altre parole, se pensi che il tuo team sia oberato oggi, aspetta e vedrai. Non hai ancora visto niente.

Le assunzioni sono una parte della risposta, ma certamente non bastano. Bisogna anche pianificare lo sviluppo delle competenze del tuo team, ma, soprattutto, mettere a punto una strategia per fare in modo che il lavoro venga svolto. In base a ciascun caso, alcune attività di gestione IT possono essere esternalizzate, altre automatizzate e per altre ancora è preferibile farsi assistere da fornitori esterni. Quindi, non abbatterti: le alternative esistono!

 

Circa l'autore

Ant Newman

Ant has been writing about the intersection of business and technology for nearly 15 years, working at companies large and small: from five-person marketing agencies to enterprises like Gartner and Cisco.

Follow on Linkedin More Content by Ant Newman
Articolo precedente
5 soluzioni IT per ottimizzare i costi delle piccole imprese
5 soluzioni IT per ottimizzare i costi delle piccole imprese

Le piccole imprese più scaltre sanno che per crescere, evolversi e prosperare sono necessari ottima gestion...

Prossimo Articolo
Come l'IA può aumentare la produttività e far crescere l'azienda
Come l'IA può aumentare la produttività e far crescere l'azienda

Se usate per affiancare l'uomo nello svolgimento delle sue attività anziché sostituirlo, l'intelligenza e l...